Indietro

Juncker: ogni euro investito ne genererà 15

26/11/2014

image id=609“Il piano di investimenti europeo basato sulla Bei mobiliterà 315 miliardi e sarà operativo entro giugno 2015”. Lo ha annunciato poco fa il presidente della Commissione Europea al Parlamento Europeo riunito a Strasburgo.


Jean Claude Juncker ha esordito affermando che “l’Europa sta voltando pagina dopo anni di sforzi per promuovere la credibilità fiscale e le riforme". Il piano di investimenti serve per "stimolare" gli investimenti che, in Europa sono "370 miliardi sotto il livello pre-crisi".


Scuola, trasporti, sanità e efficienza energetica, sono alcuni dei campi su cui interverrà il Piano di investimenti che Juncker sta presentando a Strasburgo: "Penso a un bambino di Salonicco che deve entrare in una scuola moderna, con i computer, penso ai servizi ospedalieri, penso al pendolare francese che potrà andare al lavoro in tram, risparmiando la benzina, migliorando la qualità dell'ambiente".


E affinchè tutto ciò sia possibile è' di "importanza essenziale eliminare gli ostacoli burocratici" per "creare le condizioni per gli investimenti": "in Europa c'è un paradosso enorme: nonostante la liquidità nelle banche, gli investimenti non rimbalzano".  "Se il piano funziona, e non ho dubbi, rinnoveremo il piano anche per gli anni 2018, 2019 e 2020”.